Forum > Italiano

Creativity e cristianesimo positivo

(1/2) > >>

Mirone:
mi spiegate che differenza c'è?

29Divisione:
Il Cristianesimo Positivo non è altro che una “purificazione” del Cristianesimo che conosciamo noi oggi. E’ un Cristianesimo nazionalista che accetta gli elementi positivi e le virtù attive, depurato da tutti gli atteggiamenti passivi ed autodistruttivi di cui è carico il Cristianesimo stesso: "amate i vostri nemici", "vendete tutto ciò che avete e date il ricavato ai poveri", "non rispondete all'offesa altrui", "non giudicate", "porgete l'altra guancia." Ecc ecc
Tuttavia quella del Cristianesimo Positivo è una dottrina non definita e solo alcuni gerarchi NazionalSocialisti erano in grado di dare una definizione di esso, tant’è che la rivista delle SS “Das Schwarze Korps”  in un articolo scrisse: «Essendo il Cristianesimo positivo un termine introdotto dal NazionalSocialismo esso è l'unico accreditato per interpretarlo».

CREATIVITY invece va oltre, estirpa una volta per tutte questo germe quale il Cristianesimo. E non con guerre fratricide come quelle messe in atto dai cristiani, non con una caccia alle streghe o con un'altra inquisizione, ma con l’aiuto delle Leggi Eterne della Natura, della Storia, la Logica e del Buon senso. Creativity riconosce che non esiste NESSUNA evidenza di alcun tipo quando si parla di Cristianesimo e delle sue affermazioni di base, come la vita nell' "aldilà", l'esistenza dell'inferno, l'esistenza del paradiso, l'esistenza delle apparizioni nel cielo, e perfino l'attuale esistenza storica di quella figura centrale che è Gesù Cristo stesso. Di tutte queste favole non c’è nessuna prova che abbia la minima base nei fatti, o nella storia autentica.

Quindi Creativity di primo impatto potrebbe sembrare una specie di Cristianesimo Positivo, quando si prende in considerazione esclusivamente il suo carattere fortemente anti-cristiano(inteso come avversione al Cristianesimo contemporaneo) dimenticando però che Creativity è una Religione a tutti gli effetti con un Programma ed un Credo che non si limitano all’ anti-cristianesimo.

Spero di essere stato chiaro.

Br.Diego:
dal sito www.loveyourrace.tk

Creativity può anche essere considerata come una dottrina in parte agnostica a volte confusa, nonostante il suo carattere fortemente anti-cristiano, come una specie di “Cristianesimo positivo”, [13] ma l’equivoco nasce da una conoscenza superficiale e anche in mala fede, solitamente quando viene intesa esclusivamente come avversione a quel cristianesimo contemporaneo e progressista, carico di pietismo, che è in realtà la falsificazione della pietà stessa. In oltre, ad aumentare la confusione, spesso Creativity è erroneamente paragonata e ritenuta simile ad altre organizzazioni o chiese cristiane dette identitarie, per lo più americane, come ad esempio Christian Identity (Identità cristiana) o il noto Ku Klux Klan, che nessuno probabilmente ne ignora l’esistenza, ma di cui pochi conoscono veramente le origini e la storia. Se si toglie però l’elemento propriamente razziale comune a tutte queste realtà religiose o meta-politiche che siano, non resterà niente altro in comune.
Curiosamente, ad esempio, i razzisti rifiutano generalmente di essere etichettati come tali, in parte per non cadere in reati d’opinione ed essere per questo perseguitati da governi definiti democratici. Mentre i membri di Creativity, si autodefiniscono razzisti pur sapendo quali potrebbero essere le conseguenze giudiziarie, affermando così la propria fede. Che questo sia coraggio o incoscienza, ciò che conta per loro è l’onesta di ciò che si è e di ciò che non si è, secondo loro requisito fondamentale per la difesa della propria razza. Paradossalmente i Creators, o creatori, seguono così una regola del Vangelo: «il vostro parlare sia (semplice) sì, sì; no, no; ciò che è in più vien dal maligno» (Matteo 5, 37).Ma loro non credono nella vita dopo la morte, paradiso ed inferno, come gli angeli e i diavoli sono per loro solo fantasia. Dubitano perfino dell’esistenza di Dio, come lo intendono le religioni monoteiste, ma non accettano la definizione di atei. Essi “sostengono lo spirito osservando ed obbedendo alle Leggi Eterne della Natura”.

Br.Diego:

--- Quote from: Mirone on 11 July 2010 at 22:16 ---mi spiegate che differenza c'è?

--- End quote ---

Marco, spero ti sia più chiara la differenza.

A presto!

Mirone:
Chiarissimo, e credo di aver torvato la religione giusta per me

Navigation

[0] Message Index

[#] Next page

Go to full version